Cocktailensemble a base di flamenco, tango e danza caraibica

Nazaret Perales

Cocktailensemble a base di flamenco, tango e danza caraibica

22 maggio 2018 Lascia un Commento

Venerdì 25 maggio alle 21.00 in Via Massetana Romana 28

Cocktailensemble a base di flamenco, tango e danza caraibica

Un incontro di danza con Francesca Stocchi, Nazaret Perales e Marco Di Bari alla chitarra, Giovanni Sciuto – Oblivion Tango e Jacopo Cortonesi

Una serata a passo di tango, al gusto di flamenco e dal sapore caraibico.  Cocktailensemble è l’ultima originale iniziativa ideata da Marcello Valassina e Francesca Selva e ospitata dal Centro Danza Francesca Selva, per celebrare la danza in tutte le sue forme con un mix esplosivo di stili. Venerdì 25 maggio alle 21.00 nello spazio di Via Massetana Romana 28 a Siena in una ideale staffetta vedremo susseguirsi e intrecciarsi sul palco danzatori di flamenco, tango e balli caraibici. In scena, cioè, tre stili molto diversi dal fascino intramontabile interpretati magistralmente da: Francesca Stocchi, Nazaret Perales e Marco Di Bari alla chitarra per il flamenco, Giovanni Sciuto di Oblivion Tango per il tango e e Jacopo Cortonesi, campione di danza caraibica.  “Abbiamo voluto mixare stili diversi per dare vita ad cocktail di danza tutto da gustare – ha dichiartao Marcello Valassina – ci si avvicina alla danza anche così in una occasione informale come può essere un aperitivo o un dopocena per poi, speriamo, appassionarsi e magari tornare ad approfondire la conoscenza che abbiamo della danza anche in teatro”. Grazie a progetti come questo o come “Piccole Storie Aliene” che torna il prossimo 27 maggio, il nuovo spazio Centro Danza di Via Massetana 28 sta diventando sempre di più un laboratorio aperto a tutte relatà che fanno arte e cultura a Siena. “Facciamo da culla a progetti collettivi che nascono dalla condivisione e dallo scambio tra artisti anche molto diversi tra loro – conclude Marcello Valassina – consapevoli che il terreno comune su cui ci si muove è la qualità, la professionalità e la passione per quello che facciamo, ma anche un’idea di città sempre più aperta e capace di innovare in cultura”.


Lascia una risposta

Your email address will not be published.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Proseguendo la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi